Chi, s’io gridassi, mi udrebbe mai dalle sfere
degli angeli? E se pure d’un tratto
uno mi stringesse al suo cuore: perirei della sua
più forte esistenza. Poiché del terribile il bello
non è che il principio, che ancora noi sopportiamo,
e lo ammiriamo così, ché quieto disdegna
di annientarci. Ogni angelo è tremendo.


mercoledì 6 giugno 2012

vorrei scrivere qualcosa, vorrei scrivere come mi sento adesso ma, non ci riesco. E in realtà, anche se impossibile, non sento nulla. Come se qualcuno mi avesse anestetizzato il sistema nervoso. Cadono quei giorni in cui, vedi che qualcosa sta per crollare ma, resti seduta, senza far nulla a guardare come il tempo deteriori quel qualcosa. Non intervieni, perchè non c'è volontà, perchè forse sai, che è inutile mettere le mani avanti. Spesse volte, le cose fratturate, anche cercando di aggiustarle, si rompono ugualmente, se non prima.
Cosa ti succede quando ti isoli da quasi tutti? Cosa pensano di te ? cosa pensi tu?
Non penso a nulla, e raramente m'importa di ciò che pensano di me. Mi costruisco in mio angolo di distacco e mi proteggo tra quelle 4 mura invisibili

Nessun commento:

Posta un commento