Chi, s’io gridassi, mi udrebbe mai dalle sfere
degli angeli? E se pure d’un tratto
uno mi stringesse al suo cuore: perirei della sua
più forte esistenza. Poiché del terribile il bello
non è che il principio, che ancora noi sopportiamo,
e lo ammiriamo così, ché quieto disdegna
di annientarci. Ogni angelo è tremendo.


sabato 20 ottobre 2012

Lasciatemi cadere negli abissi..Sprofondare in quell oscura perdizione che l oblio protegge..Lasciatemi bruciare lentamente..Il luogo recondito oscurerà le urla..Il dolore sarà mio..
Lasciatemi...Portatevi via tutto..strappatemi le unghie cosicchè non possa io risalire ..!
Fratturate le nari..non m innalzeranno più verso nessun Dio compassionevole ..
Legatemi ..qui..ai miei dolori

Nessun commento:

Posta un commento