Chi, s’io gridassi, mi udrebbe mai dalle sfere
degli angeli? E se pure d’un tratto
uno mi stringesse al suo cuore: perirei della sua
più forte esistenza. Poiché del terribile il bello
non è che il principio, che ancora noi sopportiamo,
e lo ammiriamo così, ché quieto disdegna
di annientarci. Ogni angelo è tremendo.


mercoledì 11 aprile 2012

Quant'è stupendo cadere nel dubbio divoratore di mente! Porsi le più improbabili domande, alimentando ancora di più la fame di una risposta chiarificatrice! Quant'è sublime perdersi nelle crisi della propria coscienza, passo dopo passo fino, alle volte, inciampare e scivolare sempre più giù! I dubbi, questi sconosciuti incappucciati, divorano la mente creando distorsioni e tutto ciò di cui prima forse, ne avevi una minima certezza, crolla come un misero fragile castello di carte! Il dubbio, Re Incognito avanza con il suo lussuoso manto ricamato d'incertezze e timori. Ogni due passi batte la punta del suo bastone sul pavimento. Insistente ticchettìo che risuona nella testa. Egli solleva il pomo luccicante e ne ammira il suo maestoso riflesso in quel lucido argento. Egli sa del suo potere devastante, senza il quale nessuno di noi, inconsciamente potrebbe vivere. Ma solo pochi hanno il coraggio d'accompagnarsi in sala ed inchinarsi al Re

Nessun commento:

Posta un commento